Il corpo del bambino è solo suo
Articolo pubblicato su percorsiformativi06.it

Il bambino è una persona a tutti gli effetti, ma spesso per le sue dimensioni fisiche, per i traguardi che deve ancora raggiungere, per la sua impossibilità a comunicare come gli adulti vista la sua fisiologica e graduale acquisizione di una serie di competenze, l’adulto si arroga il diritto di trattarlo come “inferiore”, spesso senza interpellarlo e coinvolgerlo in una serie di decisioni che lo riguardano a pieno titolo fin da quando è appena nato. 

E non si parla di scelte complesse, ma di gesti naturali e automatici che però celano valori e significati importanti, soprattutto per l’uomo o la donna che diventerà in futuro, ovvero la gestione e la relazione con il suo corpo e con quello degli altri bambini e adulti con cui si relazionerà.

Il corpo è lo strumento privilegiato che il bambino ha per conoscere il mondo che lo circonda e se stesso: attraverso l’attivazione e stimolazione dei cinque sensi percepisce e recepisce la realtà, i suoi significati e le emozioni connesse.

Il contatto tra mamma e bambino, soprattutto nei primi mesi, è essenziale se non vitale per molti motivi (fisici, relazionali, emotivi, psicologici) di cui sono stati dimostrati gli effetti benefici nel lungo termine.

 

Leggi l'articolo completo

Ultimi articoli