Il tempo: come spiegarlo ai bambini
Articolo pubblicato su percorsiformativi06.it

Gli adulti fanno riferimento costantemente al concetto di tempo nell’arco di una giornata, con molte sfumature e declinazioni, illudendosi di essere sufficientemente chiari nel parlare con il proprio interlocutore “torno tra poco”, “5 minuti e si torna a casa”, “il prossimo week end andiamo al mare”, “dopo preparo da mangiare”, “che tempo fa?” “oggi che giorno è?”.

Ma se chi ascolta è un bambino in età prescolare, quest’ultimo si ritrova a confrontarsi con una serie di parole e frasi di cui, invece, non riesce a comprendere il significato, perché il tempo si rifà ad un concetto puramente astratto.

I bambini fino ai 6 anni percepiscono lo scorrere del tempo, l’organizzazione della giornata, hanno in mente episodi singoli, situazioni specifiche, ma non riescono a comprendere la durata del tempo perché necessitano di ragionare sulla concretezza e tangibilità delle cose.

Inoltre, è importante ricordare che i bambini vivono il presente, il qui ed ora e non possono ragionare su ipotesi, previsioni o progetti futuri. Per loro il mondo è quello che si vive e si fa in quel preciso istante.

 

Leggi l'articolo completo

Ultimi articoli