Facciamo finta di...perchè il gioco simbolico è importante

Tutti i bambini adorano il gioco del “fare finta di” che in gergo tecnico si chiama gioco simbolico o di ruolo, ovvero quel gioco in cui i bambini si rappresentano simboli, oggetti, idee che non sono presenti, quello in cui giocano con oggetti deputati ad un utilizzo per essere usati “simbolicamente” in una maniera differente da quella originaria. Per questo già dai 2 anni vediamo i bambini che tentano di emulare mamma e papà e si sentono sodisfatti e gratificati appena possono e riescono a fare o simulare i compiti e faccende portate avanti dai propri genitori. Si aggirano appagati per casa con aspirapolveri, mocio, spruzzini e straccetti. Più i bimbi crescono e più il gioco si articola con situazioni, travestimenti ed investimenti emotivi diversi. I bambini si ingegnano e si divertono con scenari e “sceneggiature” di fantasia, come cavalieri su destrieri-scope, o desiderano riprodurre contesti e ruoli a loro noti, quali la parrucchiera o lo chef.

Il gioco simbolico è una fase essenziale per lo sviluppo del bambino dai 2 ai 7 anni e i genitori dovrebbero incentivarlo per la sue molteplici utilità:

  • È un modo di rielaborare episodi della propria vita analizzandoli da punti di vista differenti, esorcizzando paure e varie emozioni

  • Permette di sviluppare forme di pensiero astratto e di riflettere sui propri pensieri,

  • Aiuta a mettersi nei panni dell’altro comprendendone pensieri ed emozioni, sviluppando l’empatia

  • Agevola la prefigurazione di scenari e azioni con le diverse conseguenze, di imitare gli adulti, di arricchire il proprio lessico, di proiettarsi nel futuro,

  • È funzionale ad esprimere se stessi senza giudizio, a conoscersi: è una palestra per superare i propri limiti, per scoprire le proprie attitudini, capacità e peculiarità.

È facile dedurre come non sia costruttivo ne’ produttivo disincentivarlo, deriderlo o sminuirlo, bensì supportare il bambino ogni volta che lo mette in atto prestandosi anche noi in prima persona al loro copione.

Altri consigli per promuoverlo e renderlo possibile sono : predisporre una scatola dei travestimenti il più variegata e differenziata possibile (da vestiti assemblati a teli o a vestiti da adulto) ; andare oltre gli stereotipi di genere proponendogli una serie di stimoli per entrambi i sessi, quali la cucina e i suoi utensili, la cassetta degli attrezzi, bambole, macchinine e via dicendo; preferire oggetti destrutturati a giochi elettronici che favoriranno la creatività dei bambini; raccontare e leggere ai bambini storie, libri ed albi illustrati per abituarli a trovare scenari e ambientazioni da riproporre e riprodurre nella loro quotidianità.

Ultimi articoli